Betulla

La pianta, nota ai Romani che la ritenevano originaria della Gallia, era utilizzata per fabbricare i fasci che costituivano le insegne del potere dei magistrati; se ne facevano anche torce nuziali, usate il giorno del matrimonio perché ritenute di buon auspicio (Plinio, Naturalis Historia)

Biancospino

Il ramo di biancospino era ritenuto dotato di magici poteri per tenere lontani gli influssi nefasti; per questo motivo nel mondo romano si ornavano con rami di biancospino fiorito le porte delle case. La leggenda, ricordata da Ovidio nei Fasti, voleva che il biancospino fosse stato donato da Giano alla ninfa Carna (o Cardea), della quale si era innamorato e che divenne protettrice delle porte delle case. A Roma il biancospino era sacro anche alla dea Flora, mentre in Grecia con i suoi rami fioriti si ornavano gli altari per la celebrazione delle cerimonie nuziali.

Attalee

AtaloPergamo.jpgCon questo nome venivano indicate, nel mondo ellenistico, le feste che in varie città venivano allestite in onore dei sovrani di nome Attalo. Particolarmente splendide erano quelle che si celebravano a Delfi, dove un generoso lascito di Attalo il Filadelfo al santuario consentiva festeggiamenti sontuosi e prolungati.

Amico

39305_Moreau__mlNella mitologia “Amico” è stato un nome molto diffuso:

  1. Figlio di Poseidone e re dei Bebrici, era celebrato per la sua abilità nel pugilato. Era solito sfidare in combattimento gli stranieri che non conoscevano la sua fama di pugilato straordinario e imbattibile e venivano da lui sconfitti e uccisi. Ma quando gli ARGONAUTI giunsero nel suo regno ed egli ripeté come di consueto la sfida, Polluce lo affrontò e lo uccise.
  2. Nome di un Centauro, figlio di Ofione.
  3. Uno dei compagni di Enea.