-10 a Natale: il canto di Charles Dickens

Intramontabile e indimenticabile è Il canto di Natale di Charles Dickens una favola raccontata con sobrietà che lascia, però, trapelare una profonda critica verso la società in cui è ambientata, è l’anno 1843.

Si svolge tutto in una notte, la vigilia di Natale, in un paese, non specificato, che richiama, però, alla mente una Londra piena di contraddizioni.

Scrooge, il protagonista, l’antieroe, uomo avaro e gretto riceve la visita inaspettata dei tre fantasmi del Natale, Passato, Presente e Futuro.

Un viaggio nel tempo lo attende, ripercorre la sua vita, e divenendone spettatore, si rende conto come il suo comportamento, gretto, egoista e indifferente abbia causato solo tristezza e odio.

Un viaggio interiore che lo porterà a guardare il futuro in maniera diversa, ad apprezzare anche le piccole cose come il calore che regala il Natale.

Il suo animo ora è pronto  per cominciare una nuova vita improntata alla solidarietà verso gli altri in particolare  verso gli emarginati della società del tempo, in particolare verso i minori pesantemente sfruttati, tema caro a Dickens.

È un messaggio di speranza che Dickens, attraverso il racconto, lancia a tutti coloro che sanno riflettere sulla propria vita e sanno cambiarla.

Taggato con: